Sito web - News - Annuario - Web Links - Le Collezioni - Notiziario Tematico - Articoli e Pubblicazioni - Contatti
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.
Oggi è 16/07/2019 3:41

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: 8.6.1948: 1984
MessaggioInviato: 08/06/2019 10:58 
Non connesso

Iscritto il: 27/11/2018 14:56
Messaggi: 191
8 giugno 1948: 1984

Buongiorno.

No, non sto giocando con i numeri. Il responsabile di questa inversione è George Orwell, scrittore britannico che ancora oggi riesce a far parlare di sé.

Era il 1948 quando Orwell scrisse il suo romanzo distopico. Per il titolo e l'ambientazione decise di prendere in considerazione l' anno ricavato dall' inversione delle ultime due cifre di quello in cui viveva, fortemente segnato dalla guerra appena conclusa.

Perché un romanzo distopico?

Perché la letteratura, secondo Orwell, non può più guardare all'utopia ma ha il compito di raccontare la verità e svelare i meccanismi perversi di una società in cui ogni speranza nel progresso umano è ormai perduta.

Di cosa parla 1984?

Il popolare romanzo parla di un mondo perennemente in guerra nelle mani di tre grandi potenze totalitarie: Oceania, Eurasia ed Estasia. E parla di una società schiava, soffocata da una politica totalitaria asfissiante, fatta di cittadini costantemente monitorati e bombardati da una continua, pervasiva, sottile propaganda. Una società in cui la libera espressione e l'arte sono state abolite in favore di una industria culturale che, servendo dei versificatori, produce in serie dei contenuti aventi lo scopo di intensificare la propaganda politica. Per strada gira la psicopolizia con divise numerate, i cittadini vengono spiati sia dentro che fuori dalle proprie abitazioni 24 ore su 24 dal Grande Fratello, il misterioso leader supremo.

E in questo contesto sociale folle si inserisce la storia d'amore tra Winston e Julia, che sono costretti a vivere la loro relazione clandestinamente. Si, perché anche le relazioni amorose erano proibite: gli incontri intimi tra un uomo e una donna potevano avvenire, sempre in maniera controllata, solo per uno scopo: la procreazione. I due innamorati, non volendosi arrendere al sistema, cominciano a collaborare con una organizzazione clandestina di ribelli ma vengono traditi da degli infiltrati e per questo catturati e torturati. Alla fine essi stessi si tradiranno a vicenda, rinnegheranno i propri sentimenti anti-governativi e, dopo un lavaggio del cervello, diventeranno parte integrante di quel sistema perverso.

1984 e' un romanzo ancora molto valido che vale la pena di leggere; per me si tratta di un capolavoro!

Il francobollo di oggi non può che riguardare George Orwell e il suo romanzo anti-utopico. Con un valore facciale di £ 800, fu emesso nel 1998 dalle poste sammarinesi e appartiene alla serie "Un secolo di fantascienza".

Oggi vado controcorrente e auguro 'buona utopia a tutti'.


Allegati:
20190608_093528.jpg
20190608_093528.jpg [ 527.09 KiB | Osservato 61 volte ]
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010