Sito web - Annuario - Le Collezioni - Notiziario Tematico - Articoli e Pubblicazioni - Contatti
Oggi è 30/11/2021 9:29

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 05/05/2019 22:59 
Non connesso

Iscritto il: 27/11/2018 14:56
Messaggi: 243
5 maggio 1821: Morte di Napoleone Bonaparte

Personaggio storico famosissimo, Napoleone Bonaparte intraprende presto la carriera militare e a soli 24 anni, mentre la Rivoluzione Francese si amplia, viene promosso a Generale di Brigata. Dal 1794 partecipa alla Campagna d'Italia mentre nel 1798 inizia quella d'Egitto e da entrambe esce vittorioso. Il 7 febbraio del 1800 Napoleone diventa Console con autorità assoluta sulla Francia e il 18 maggio di 4 anni dopo viene incoronato Imperatore da Papa Pio VII°, a seguito di un decreto del Senato che trasforma la Repubblica francese in monarchia imperiale e assoluta. Nella primavera seguente diventa Re d'Italia. Il declino di Napoleone inizia con la Campagna di Russia e con gli avvenimenti che conducono alla disastrosa Campagna di Waterloo. Nel 1815 abdica a favore del figlio e va in esilio nell'isola di Sant'Elena, dove muore il 5 maggio del 1821.

La serie che stasera vi mostro è stata emessa a Cuba in occasione del XX° anniversario del Museo Napoleonico, nel 1981. Non so a voi, ma a me piace!!!


Allegati:
20190505_233043.jpg
20190505_233043.jpg [ 343.54 KiB | Osservato 4457 volte ]
20190505_233126.jpg
20190505_233126.jpg [ 367.85 KiB | Osservato 4457 volte ]
20190505_233148.jpg
20190505_233148.jpg [ 357.27 KiB | Osservato 4457 volte ]
20190505_233220.jpg
20190505_233220.jpg [ 358.01 KiB | Osservato 4457 volte ]
20190505_233247.jpg
20190505_233247.jpg [ 357.61 KiB | Osservato 4457 volte ]
20190505_233307.jpg
20190505_233307.jpg [ 336.2 KiB | Osservato 4457 volte ]
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 07/05/2019 7:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 05/12/2011 15:53
Messaggi: 1285
Località: Bari - Italy
L'imperatore fu molto attento alle condizioni di salute delle sue truppe e rafforzò il servizio sanitario sui campi di battaglia. Si circondò quindi di un gran numero di medici che ho ricordato in questo vecchio articolo pubblicato sul Postalista.

Allegato:
i medici dell'imperatore-1.jpg
i medici dell'imperatore-1.jpg [ 676.19 KiB | Osservato 4442 volte ]


Allegato:
i medici dell'imperatore-2.jpg
i medici dell'imperatore-2.jpg [ 187.27 KiB | Osservato 4442 volte ]


:ciao:

sergio

_________________
Sergio De Benedictis


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 07/05/2019 11:44 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/12/2007 15:23
Messaggi: 2989
Località: Roma
Bello spunto tematico per una collezione storica o napoleonica...
Bravo, Sergio, sei sempre una vera 'miniera' tematica.
Luciano


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 07/05/2019 23:13 
Non connesso

Iscritto il: 27/11/2018 14:56
Messaggi: 243
Già, Sergio riesce a sorprenderci sempre :-)

Un caro saluto ad entrambi :ciao:


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 05/05/2021 8:04 
Non connesso

Iscritto il: 27/01/2008 15:54
Messaggi: 1021
Località: Messina
Testo bollettino
È ben noto, in ambito postale e filatelico, il vincolo che impone alle autorità emittenti di raffigurare sulle proprie carte-valori postali unicamente personalità strettamente legate all’identità storica e culturale del Paese emittente. Un vincolo che è anzitutto di natura giuridica, poiché a prevederlo è la stessa Convenzione Postale Universale, ossia l’accordo internazionale multilaterale sottoscritto dai plenipotenziari dei Paesi membri dell’Unione Postale Universale per regolare i reciproci rapporti postali. L’attuale formulazione del documento, che recepisce le modifiche e le integrazioni apportate a seguito del Congresso Postale Universale di Istanbul del 2016, nonché del Congresso straordinario del 2018 e di quello del 2019, conferma all’articolo 6 i preesistenti requisiti ai quali i Paesi membri dell’UPU devono attenersi nella realizzazione dei propri francobolli e delle altre carte-valori postali emesse come manifestazione di sovranità nazionale. Con specifico riferimento ai soggetti raffigurati sui francobolli, la Convenzione prevede espressamente che essi debbano “essere strettamente legati all’identità culturale del Paese membro” e, quando sono dedicati a personaggi illustri non nativi del Paese, tali personaggi debbano comunque avere una stretta connessione con il Paese medesimo. Tale prescrizione - sebbene non sia sempre applicata, soprattutto da quei Paesi, non necessariamente emergenti, la cui politica di emissione delle carte-valori postali appare asservita al perseguimento di meri interessi economici, di fatto depauperando i francobolli della loro primaria funzione postale - è stata sinora sempre applicata dallo Stato italiano, che anzi ha introdotto prassi ancora più stringenti, quale ad esempio quella che vede escluse dalla celebrazione postale le personalità viventi (fatti salvi i regnanti stranieri, che tuttavia salvo rarissime eccezioni trovano pratica concretizzazione nella sola figura del Sommo Pontefice).
Si potrebbe, a questo punto, ritenere che la scelta del Ministero dello Sviluppo Economico di inserire nel programma di emissione del 2021 un francobollo dedicato a Napoleone Bonaparte, nel bicentenario della scomparsa, trovi la propria legittimazione proprio nella norma richiamata, in quanto trattasi di personalità dal valore universale la cui storia personale e pubblica si è tanto intrecciata con la storia italiana. Ciò è certamente vero, dal momento che Napoleone ha letteralmente stravolto la vita e le sorti della Penisola - basti solo pensare alle Campagne d’Italia ed all’incoronazione a re d’Italia nel 1805, senza contare le innumerevoli ripercussioni che tali eventi hanno avuto sulla vita sociale, giuridica e culturale italiana, i cui strascichi sono tutt’oggi indelebili nella nostra società nazionale - tuttavia non è sufficiente per inquadrare correttamente l’emissione del francobollo, che invero intende omaggiare Bonaparte non solo come figura storica di rilievo strettamente legata all’identità italiana, bensì come vero e proprio italiano.
Sebbene sia azzardato parlare per Napoleone di nazionalità italiana, per il semplice motivo che il concetto di nazionalità come noi lo conosciamo trovò sviluppo solo nei decenni a venire (peraltro prendendo le mosse proprio dagli eventi che seguirono la Rivoluzione francese e la politica espansionistica napoleonica, anzi per la precisione in contrapposizione ad essa), è indubbio che Bonaparte fosse, per nascita e cultura, italiano.
Egli difatti nacque ad Ajaccio nel 1769, ossia nell’anno in cui si consumò il definitivo passaggio della Corsica alla Francia, dopo secoli di dominio genovese e la brevissima parentesi della repubblica autonoma di Pasquale Paoli. All’epoca tutto, sull’isola, era italiano, ad iniziare dalla lingua, che dunque Napoleone imparò come idioma madre. I suoi stessi genitori erano di origini continentali italiane, avendo il padre radici toscane, come peraltro buona parte dei corsi di allora, e la madre origini toscane e lombarde. L’intera cultura corsa, che lasciò un imprinting formidabile sul piccolo Napoleone, si basava dunque su quella italiana, e non certo su quella transalpina, che venne importata nell’isola solo dopo la conquista francese del 1769. Cultura, quella francese, che Napoleone certamente acquisì e fece propria nei suoi lunghi anni di studio in Francia, ma che non gli impedì mai di rinnegare le proprie origini corse, soprattutto negli anni giovanili, prima della rapida ascesa al potere nella Parigi post-rivoluzionaria. È noto come il giovane Bonaparte, ammesso nelle più esclusive scuole di Francia grazie alla nobiltà del padre, venisse spesso deriso dai suoi compagni, esponenti delle maggiori famiglie aristocratiche continentali, per i suoi natali isolani e per l’inconfondibile accento italiano che, pare, lo accompagnò per tutta la vita. Derisioni che tuttavia non riuscirono mai a fiaccare Napoleone, il quale anzi accrebbe il proprio attaccamento alla cultura ed ai costumi della sua isola, che certamente erano cultura e usi italiani.
Ed è proprio nell’equazione che lega in maniera inscindibile la cultura corsa dell’epoca a quella italiana che si ritrova la italianità di Napoleone Bonaparte. Egli, dunque, se non per diritto di cittadinanza (concetto astratto non applicabile al contesto dell’epoca in cui Napoleone vide la luce) è stato certamente italiano per nascita e cultura. E per questo ci piace pensare che il francobollo emesso dallo Stato italiano nel bicentenario della scomparsa di Napoleone renda omaggio non solo al protagonista indiscusso della storia europea a cavallo tra XVIII e XIX secolo, ma anche e soprattutto ad un grande italiano.
Prof. Angelo di Stasi
Presidente della Commissione per lo studio e l’elaborazione delle carte-valori postali


Allegati:
2021.jpg
2021.jpg [ 87.09 KiB | Osservato 3637 volte ]

_________________
Tematica S. Antonio da Padova
socio CIFT numero 2368 :-)
(C) ATG
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 05/05/2021 12:25 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/12/2007 15:23
Messaggi: 2989
Località: Roma
Mi sembra che la riproduzione scelta per il francobollo sia molto emblematica e perfettamente in linea con il testo del Ministero.
"Ma davvero?" sembra dire lo sguardo del corso-italiano-francese "...anche dopo i pochi oggetti che ho portato in Francia con me?".
A questo punto attendo con curiosità la risposta alla domanda fatta dalla Redazione dell'Arte del Francobollo poco fa...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 05/05/2021 13:02 
Non connesso

Iscritto il: 27/01/2008 15:54
Messaggi: 1021
Località: Messina
avrei visto bene un foglietto per il 5 maggio di Manzoni, (mettendo nel bordo la poesia che è abbastanza breve)
anche questa fa 200 anni
avrebbero secondo me preso due piccioni con una fava
facendo comunque la commemorazione di napoleone senza dubbi ...
in fondo Manzoni è da un pò che non arriva nei francobolli italiani
(aspettiamoli nel 2023...)

_________________
Tematica S. Antonio da Padova
socio CIFT numero 2368 :-)
(C) ATG


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010